Se non ci provi hai Perso ancora Prima di Partire !!!
E se arrivi in fondo, hai Vinto Sempre e Comunque.

Beppe GM & Gert dal Pozzo

sabato 11 aprile 2009

Roteglia Trail



Oggi prima uscita per un avvicinamento graduale verso il Ventasso....assieme agli amici Giovanni e Marco si parte da Roteglia e la sua collina parcheggiamo la macchina nel cortile di un agriturismo che subito ci piace e dove più tardi scopriremo degli abbondanti tortelloni alla zucca niente male.

Iniziamo il nostro percorso con passo prudente da riscaldamento e dopo 1 km siamo già riusciti nella non facile impresa di perdere il sentiero, finiamo in una stradella che finisce contro un recinto pieno di cinghialotti sul cui futuro non scommetterei neanche un misero penny.

Chiesto informazioni al primo cacciatore (dei purtroppo numerosissimi presenti) che incontriamo riprendiamo a salire stavolta per la carrareccia giusta.

Subito la salita si fà dare del lei brevi strappi, ma belli intensi con i polmoni che si dilatano a cercar aria.......belllo decisamente bello e rilassante.....davanti a noi scattano come saette 5 caprioli che corrono e saltano che è uno spettacolo per gli occhi e per il cuore....peccato i tanti cialtroni con i fucili.... chissà se si può sparare anche ad un capriolo.... speriamo di no, ma qualcosa mi dice che è meglio non approfondire.

La fatica è tanta e le scarpe non mi soddisfano tanto.....qualche segnale di irritazione e un persistente caldo sotto la pianta del piede non promette nulla di buono, c'è tanto fango e questo rende tutto decisamente più faticoso, ma tanto più bello, finalmente dopo 8 km raggiungiamo il crinale e ci buttiamo a capofitto ( si fà per dire ) verso un laghetto che vediamo in fondo sulla nostra destra dove dei pescatori un po' perplessi ci guardano saltare.
Poi ci infiliamo, dopo un piccolo tratto di asfalto, in mezzo ad una cava di argilla.... posto tristissmo dove il perdurare degli scavi ha reso il terreno altamente instabile e numerose frane sono lì a testimoniare i gravi danni che siamo capaci di procurare alla natura.

Il panorama è spettacolare ti aspetti che Tex Willer sbuchi da un momento all' altro nel canyon o che qualche apache incazzato ti tiri due frecce dall' alto..... poi il sentiero si inerpica davvero....quasi una verticale di un paio di km......mamma mia sfiniti riguadagniamo il crinale e chiudiamo dopo 18 km e 500 m a Roteglia.

Si decisamente correre in mezzo alla natura è piu' bello, ma anche decisamente faticoso.

Note negative le scarpe mannaggia mi hanno lasciato qualche vescica in gentile omaggio speriamoche la causa sia solo una non corretta allacciatura che ha fatto molto muovere il piede....una cosa credo di averla capita contrariamente che sull'asfalto in natura la scarpa vuole legata decisamente stretta attorno al piede.

Altra nota dolente il ginocchio destro lateralmente mi fà abbastanza male e temo sia un'infiammazione della bandeletta laterale.....una paio di giorni di riposo ho visto che mi sistemano.....ma poi puntualmente al 15 - 18 km mi torna fuori un dolore abbastanza continuo....ho gia' fissato l'ennesimo appuntamento dal massaggiatore....sperem.

Archiviamo anche questa esperienza e via per la prossima.....buone corse a tutti voi.

5 commenti:

  1. si, d'accordo, ma: è una figata o no?! :D personalmente col trail ho ritrovato la gioa di correre.... ah, prova le salomon xa pro!

    RispondiElimina
  2. Bel percorso e bella faticata.
    Effettivamente le scarpe per trail sono importanti. I piedi sono sottoposti ad un maggiore sforzo variabile. Ma lo sai, a proposito di coincidenze, che in questi giorni sto subendo qualche assaggio di bandelletta anche io.

    RispondiElimina
  3. Occhio perche' la bandeletta e' veramente subdola e' da trattare con la massima tempestività, e' bastarda perchè il giorno dopo la gara stai gia' bene....ma puntualmente durante la gara torna a farti male,ma se nn ci si ferma e si rallenta la cosa peggiora, se ti puo' servire ti segnalo questo sempre che tu già non lo conosca http://www.podisti.net/2009/index.php?option=com_content&view=article&id=1117:bandelletta-ileo-tibiale&catid=16:medicina-e-alimentazione&Itemid=101

    RispondiElimina
  4. Cerco di avere premura e prudenza. Intanto ho distanziato gli allenamenti. Adesso cercherò di evitare fondi sconnessi e collinari. Poi ghiaccio e fans. Aspettiamo e vedremo.
    Grazie per il link all'articolo.

    RispondiElimina