Se non ci provi hai Perso ancora Prima di Partire !!!
E se arrivi in fondo, hai Vinto Sempre e Comunque.

Beppe GM & Gert dal Pozzo

martedì 24 aprile 2012

Elbatrail 2012


La verità ? L’isola d’Elba mi è sempre stata un pò qua, colpa mia probabilmente, ma l’impatto con questa terra circondata dall’acqua è sempre stato negativo, quindi mi sono avvicinato a questa gara per vedere se si poteva porre rimedio… e rimedio si è posto, perchè la risposta isolana è stata semplicemente meravigliosa, alla facciaccia mia e delle mie paturnie.

Elba trail

Il prologo è commovente, sbarchiamo a Portoferraio ad equipaggio completo Alessandro e Paola la Donatella e la Crucca, macchina tosco-emiliana in perfetto stile economy come la situazione oramai richiede.
Dopo il ritiro pettorali il breafing dove Max Russo ci racconta di come l’associazione “Eleonora per vincere” sorta in memoria di Eleonora, prematuramente scomparsa in giovane età, e voluta fortemente dai suoi genitori, ha raccolto in pochi anni 320.000 euro per costruire una favolosa scuola in Madgascar.

Vedere tanti bimbi sui banchi è stata emozione vera… bello sapere che quel poco che si spende per questa, ed altre manifestazioni associate, viene interamente destinato ad un progetto del genere, non ho conosciuto Eleonora, ma per essere ricordata con così tanto amore doveva essere persona veramente speciale.
Nel breafing Max spiega e sottolinea chiaramente la durezza del percorso, ma quanto sia duro per me nessuno lo ha ben presente, nemmeno il sottoscritto… e che vuoi che sia… sono poi 46 km ne ho appena fatti  42 la domenica scorsa in mezzo a tonnellate di fango (vedi TCE 2012) quindi 46 km secchi con 2.200 D+ che sarà mai ….. ignarooooooo !!!!!!!

Un pasta party ricco con tre primi, dolce, verdure, vino e caffè, due passi per Marciana Marina veramente carina col suo lungomare e poi in branda, il giorno dopo sveglia alle 4e30 per far colazione alle 5 del mattino e partire alle 6e30, ma cosa sarà mai che ci dà tanta motivazione ? Mistero del podista, che sia esso da bitume o da sterrato, non ho mai visto tanta predisposizione al sacrificio in nessun altro sport.

Scorcio Marciana Marina
Marciana Marina

Poi in un amen viene mattino e ci si trova alla partenza, quanti top trailers tutte facce che posso vedere solo un attimo alla partenza, facciamo una veloce spunta per collegarci con il chip di wedosport  e via s’inizia a correre baciati da questa alba … e già questo per me vale l’alzataccia.

Dolce in fondo il momento del ricordo di Eleonora sancito da un minuto di silenzio viene salutato da un arcobaleno che improvvisamente appare in cielo…. quasi che da lassù qualcuno volesse salutare e dare il via a questo favoloso trail.

Il saluto al Sole

Qualche metro d’asfalto e s’inizia a salire per un single tracks verso il paese di Marciana si stà spesso in fila indiana per poi accelerare dove si può correre in piano.

All’ 8° km primo ristoro a Marciana e già ho potuto toccare con mano quanto sia bella l’Elba e intensi i suoi profumi, sarà la primavera, ma l’aria è ricca di odori e i cespugli pieni di fiori mettono allegria.

Attraversiamo il paese per ripidi scalini che si susseguono, un dedalo di viuzze con casette ordinate e colorate una addosso all’altra, lasciate le ultime abitazioni inizia la via Crucis, c’è davvero :-) e vicino a quella reale ognuno si fà la sua… personalissima penitenza.

Non avevo capito nulla dell’Elba è semplicemente meravigliosa, sotto il mare ed io rischio in continuazione di cadere è bellissimo il panorama, ma ancora non ho visto niente, io la Dona e Alessandro procediamo assieme e al 14° km inizia una interminabile discesa di 8 km, dolce non troppo ripida, ma piuttosto tecnica, passaggi stretti single track, pietre spesso smosse… non si molla mai è un trenino di 8/10 persone passo da educanda, ma continuo fino al ristoro del km 20 dove arrivo con la consapevolezza che sarà dura arrivare a fare tutti i 46 km.
discesa per Pomonte discesa di 9 km
Foto by Federico Corbinelli

A Pomonte 20esimo km dopo aver ingurgitato l’ingurgitabile e miscelato il tutto con 3/4 bicchieri di coca-cola (bevanda miracolosa altro che Lourdes) ripartiamo dal ristoro con una consapevolezza se la matematica non è un opinione siamo partiti dal mare abbiamo scavallato una montagna e siamo tornati al mare quindi…. ci tocca soffrire e spingere in salita per tornare a quelle antenne lassù… azzarola molto lassù sul Monte Capanne.

altimetria

E infatti saranno quasi 6 km di pura fatica zitti zitti si sale lasciando sulla sinistra il sentiero appena sceso, la parte finale la vedete qua sotto, prima dell’arrivo a Pomonte
Discesa verso Pomonte ristoro 20 km

Una discreta ascesa, ma in cima alla “Grottaccia”  io ci starei delle ore… là sotto Pianosa, più in là l’ isola di Montecristo e forse, ma non ne sono sicuro, l’isola del Giglio mamma mia !!!! Che meraviglia.
Arriva anche la fatica infatti la Donatella ingrana la quarta e in salita inizia a fare un ritmo che io e Alessandro ci scordiamo la lascio andare, probabilmente riuscirei a starle al passo… probabilmente però.

Inizia una pietraia particolare rocce granitiche, che non non ho mai pestato il  percorso è ben balisato , ma a volte è difficile seguire la traccia, sono già bello stanco ho i piedi doloranti sento i tendini infiammati ed inizio a sentire i sassi sotto la suola spingere sulla pianta del piede le INOV 318 hanno una tomaia eccezionale per la tenuta, ma scaldano molto non sono soddisfatissimo anche in discesa ho la punta delle dita che sfregano sul bordo scarpa…. uffa….fatica, dolore… ma quanto mi piace questo sport :-)
 Salita alla Grottaccia

Ho finito l’acqua, ma porca vacca  un litro in 10 km e devo farne altri 3 di km, a mio parere questo pezzo è durissimo bisognerebbe correre, ma lo facciamo saggiamente solo in discesa un addetto ci dice manca mezz’ora al ristoro del 33° km sarà la mezz’ora più lunga dell’anno … non si arriva più.

All’improvviso sentiamo uno scalpiccio improvviso ed un branco di mufloni ci taglia la strada, bellissimi, non facciamo neanche in tempo a respirare che spariscono nel bosco, che meraviglia di bestie, quattro ruote motrici e una forza da Caterpillar.

Finalmente il ristoro al km 33,70 siamo scesi a 614 mt e dobbiamo risalire a 1.013 mt in poco meno di 4 km altra salitella, sono un pò sfiduciato sono 6 ore 20 circa di gara e la mia previsione di 8 ore la vedo lontana anzi lontanissima forse si sta nelle 10 ore del tempo massimo.

Ripartiamo Io e Garri Alessandro verso la montagna tutta salita si cammina solo, ora mi aspetta il tratto attrezzato non ho una gran spinta a farlo deciderò sul momento lì per lì, appaiono le antenne del Monte Colonne e sul profilo si vedono i trailers che avanzano in cresta, a vederlo di lontano fà impressione sembrano camminare su un filo di rasoio …. aumenta il “cagamento” entriamo in un bosco e uno stretto giro di tornantini ci porta ad un traverso di pietroni 100 metri e oplà appare l’uomo del soccorso alpino che presidia l’attacco del pezzo attrezzato, si può aggirare la “mini arrampicata” con un taglio del percorso consentito, il tratto si allungherebbe, ma si evita il tratto esposto.

Chiedo il parere all’esperto : << Io soffro di vertigini con conseguente  cagamento diffuso con smottamento orizzontale e verticale spero senza uscita di materia, che mi dice faccio l’alpinista o scappo per la via di fuga ? >>

Lui sorride e mi indica la via che porta alle funi dicendo: << Fai come vuoi… però per la via di fuga saresti il primo>>.

Bastardissimo…..  lo ringrazio e mi avvio verso le funi.

557697_3761290600705_1529760437_33294739_1689907370_n 545164_3507561899285_551228622_n

Prendo saldamente in mano il cavo d’acciaio e via…. un passo avanti all’altro vincendo la paura che stranamente in breve sparisce sono concentratissimo, sto parlando di un passaggio che qualsiasi bambino farebbe con un dito nel naso, per me è Everest, però bellissima sensazione vincere la paura ti dà morale e forza, riesco a anche a guardare giù…

Poi la guida del CAI dall’alto ci chiede di liberare velocemente la via perché sta arrivando un elicottero e se arriva con la spinta delle pale ci troviamo a Marciana via aerea, in breve arriviamo in cresta dove ci fà sedere e dove staremo fermi almeno 30 minuti assistendo al recupero di un nostro compagno con un calo di pressione tostissimo che non gli permette di camminare.

crinale 1
crinale 2
Pensate che alla fine il ragazzo del soccorso alpino si è anche scusato per averci fermato per 30 minuti, della serie.... si fanno il mazzo per noi appollaiati sulla cima di una montagna per 12 ore... ci danno assistenza in
caso di necessità e ci chiedono scusa... semplicemente stupendi.

Ripartiamo e riprendiamo la cresta e finalmente le mitiche antenne appaiono lassù.
523952_3761301360974_1529760437_33294756_1320390173_n

Siamo al 37 km e scendiamo per una discesa veramente tecnica pietrame accatastato e instabile ed estrema
attenzione a dove e a come si mette i piedi, qua in parecchi ci hanno già lasciato la buccia.

575903_3761311281222_1529760437_33294767_305020401_n

Il resto sarà solo discesa e stringere i denti per contrastare i vari piccoli mali da infiammazione ai piedi, poi l’arrivo del mitico “GeriatricTeam” mai domi :-) ed in “sole” 10 ore e 10 minuti (però bisogna detrarre la sosta elicottero di 30/40 minuti) arriviamo di nuovo a Marciana Marina.

Io sono stracontento, ho fatto anche il pezzo difficile “tra virgolette” e mi sento Bruno Brunod dopo la conquista del record sul Cervino, sono stanchissimo e mi piovono tutti i miei 52 anni sul coppone, ma sono al settimo cielo….  ho passato un weekend da sogno ho pascolato su un percorso disegnato in maniera perfetta in un ambiente naturale che mi ha lasciato basito….
Geriatric team

Ho un solo rammarico e perché caspita mi sono accorto di questa gara alla quinta edizione ?

Alla prossima avventura sicuramente la più bella :-) ogni lasciata è inevitabilmente persa.

Dante

4 commenti:

  1. Sei scatenato! Complimentissimi

    RispondiElimina
  2. @ Caio segnati Elbatrail per il 2013 gara assolutamente da non perdere, un trail con una Sky dentro ed è fattibile anche da noi.... tapasci trailer

    RispondiElimina
  3. Grandissimo, bel racconto! E bellissime le foto, rinnovo i complimenti che ti ho fatto a Marciana!
    Avanti così! Al prossimo trail!
    F

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Flavio quest'anno le provo tutte o si imbrocca l'anno boom o si fà boom

      Elimina